BRESCIA2.IT: Camionista perde il lavoro e resta schiacciato dai debiti: il tribunale fa 72mila euro di “sconto”

Nel corso degli anni aveva accumulato ben 123.744 euro di debiti

Protagonista di questa storia, fortunatamente a lieto fine, è un camionista di 56 anni originario di Monza e residente a Desio. Nel corso degli anni, l’uomo era stato vittima di forti ritardi nei pagamenti da parte della ditta per cui lavorava con un contratto a tempo determinato, che poi non gli è stato rinnovato. Da qui il ricorso crescente a prestiti per mangiare ed avere un tetto sulla testa, ma nel 2018 le richieste dei creditori sono lievitate fino al punto di rendergli impossibile pagare. Per tale ragione, dopo aver anche visto improvvisamente crollare la relazione sentimentale che aveva in corso, il 56enne si è rivolto allo studio legale Pagano & Partners di Brescia, chiedendo di accedere alle procedure della cosiddetta legge sul Sovraindebitamento.

“Il principio della legge 3/2012 è molto semplice – chiariscono i due avvocati – un cittadino onesto che si trova in difficoltà non può essere costretto a fare i conti per tutta la vita con debiti che non riuscirà mai a pagare sulla base della sua attuale situazione economica, ma deve essere chiamato a versare solo quanto può, mantenendo nel frattempo una vita dignitosa. Anche per questo, la legge viene chiamata Salva Suicidi e non è un caso che – oggi, in tempi di difficoltà legate al Coronavirus – sempre più persone ne chiedano una piena applicazione da parte dei tribunali”.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di brescia2.it