PRIMAVENEZIA.IT: Famiglia di agricoltori veneziani schiacciata da 1,7 milioni di debito: “graziati” dal tribunale

A metà degli anni Novanta, il padre, originario della provincia di Venezia, aveva avviato l’attività (allevamento di bovini e coltivazione di viti) in provincia di Treviso

Gestivano un’azienda agricola, poi è arrivata la crisi e si sono trovati quasi sul lastrico, con un monte debiti complessivo di un milione e 760mila euro. Che mai avrebbero potuto pagare. Ma i giudici, applicando la legge 3/2012, li hanno “graziati”.

La situazione è precipitata velocemente, portando alla chiusura dell’attività e alla vendita dei beni di famiglia.

“A quel punto – spiega l’avvocato Monica Pagano, che ha seguito il caso con il collega Matteo Marini – “abbiamo chiesto ai giudici l’applicazione della cosiddetta legge Salva-Suicidi o Ammazza Debiti, che stabilisce un principio molto importante.

Nessuno può essere ‘condannato’ a vita a pagare debiti che ha fatto senza colpa e a cui, vista la dimensione dell’importo, non potrà mai fare fronte. In questo caso il giudice ha stabilito che pagheranno quanto possono, versando un quinto del loro reddito per quattro anni, e poi potranno chiedere l’esdebitazione: cioè la cancellazione completa dei debiti rimanenti, che ammonterebbero a quasi 500mila euro”.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di PrimaVenezia.it